Itinerario di 7 giorni in l’Irlanda

L’estate è in arrivo e, come ogni anno, è giunto il momento di scegliere la prossima meta. Quest’anno alla spiaggia, al sole e al mare preferiamo i cieli grigi e i verdi prati irlandesi. Ma la domanda è: 7 giorni in Irlanda sono sufficienti per vederla tutta? Assolutamente no, ma dicono che “chi si accontenta, gode”, perciò ci facciamo bastare il tempo a nostra disposizione.

Primo giorno: Viaggio e Cork

Dopo una serie di sfortunati eventi, tra cui la mancata partenza con il volo della mattina a causa di una carta d’identità “deteriorata” e quindi non valida per l’espatrio, acquistiamo un nuovo biglietto e atterriamo a Dublino in tarda serata, ritiriamo la nostra auto a noleggio e partiamo subito verso il Sud dell’Irlanda, più precisamente in direzione del Killarney National Park.

La giornata prevedeva altre soste, ma purtroppo siamo riusciamo a vedere molto velocemente soltanto il centro di Cork, dove tra l’altro mangiamo (o per meglio dire, divoriamo) una buonissima cena tipica irlandese da “The Oliver Plunkett”, come suggerito dal sito di Irlandando.

Se hai tempo, qui sotto ti metto l’itinerario che avremmo dovuto seguire noi il primo giorno. Partenza da Dublino con sosta a Cobh, Cork e Kinsale. Arrivo a fine giornata a Killarney, dove pernottiamo.

Cobh – Cork – Kinsale – Killarney

Secondo giorno: Killarney National Park

Dopo una dormita rigenerante e una colazione super abbondante, il nostro itinerario di 7 giorni in Irlanda ha finalmente inizio. In questo secondo giorno il programma prevede di visitare il Killarney National Park, partendo proprio dal centro città di Killarney, dove noleggiamo due biciclette per poter esplorare al meglio il parco.

Poichè la riserva è davvero grande e le cose da vedere sono moltissime, noi gli dedichiamo un giorno intero. Visitiamo una roccaforte medievale che sorge sulla sponda del lago; un antico convento con un bellissimo chiostro e un silenzioso cimitero; una dimora vittoriana e delle cascate naturali nascoste tra le rocce.

Alla fine del nostro tour ci concediamo una birra in uno dei tanti pub che si trovano al centro di Killarney, poi riprendiamo la macchina e ci spostiamo per raggiungere la guest house dove pernottiamo.

Terzo giorno: Adare, Cliffs of Moher, Dunguaire Castle, Galway

Adare – Cliffs of Moher – Castello di Dunguaire – Galway

Siamo già al terzo giorno di vacanza e le cose da vedere sono ancora tantissime, quindi mi sveglio di buon grado.

Mentre Federico guida io mi godo il viaggio in auto osservando dal finestrino le tipiche case irlandesi a mattoncini rossi o in pietra, con i portoni d’ingresso colorati e il tetto scuro a spiovente con un grande giardino che le circonda.

La prima tappa è Adare, un piccolo villaggio irlandese della contea di Limerick, famoso per i suoi caratteristici cottages con il tetto di paglia, le antiche chiese medievali, un castello in rovina sulle sponde del fiume e una lussuosa residenza. Adare, viene spesso definita “una delle città più belle d’Irlanda“, ed è effettivamente così.

Dopo un’oretta di auto arriviamo alle tanto sognate Cliffs of Moher. Sono le scogliere più famose d’Irlanda, con una lunghezza di 8 chilometri e un’altezza massima di 214 metri. Si trovano vicino al piccolo villaggio di Doolin sulla costa occidentale del Clare, lungo la Wild Atlantic Way, e sono uno spettacolo della natura.

“Chi dice donna, dice danno” e io ti dico “Chi dice Irlanda, dice Cliffs of Moher”, non è un detto ma dovrebbe esserlo, perchè rappresentano l’Irlanda come tutti noi la immaginiamo: verde, rigogliosa e selvaggia.

Durante il tragitto per raggiungere la nostra meta finale, Galway, facciamo una breve sosta nei pressi del Dunguaire Castle. Te lo trovi lì, sul ciglio della strada, malinconico e solitario, tra il celeste del cielo e il verde della collina su cui sorge.

A fine giornata raggiungiamo Galway, posiamo le valigie e ci dirigiamo in centro per cenare, assaporando per la prima volta da quando siamo arrivati in Irlanda, un pò di movida cittadina. In questo momento ho proprio bisogno di una dissetante birra fredda e una grande, grande pizza. Oh, d’altronde, viaggiare mi stimola l’appetito, a te no?

Quarto giorno: Galway e Parco del Connemara

Galway – Kylemore Abbey – Letterfrack – Clifden

Sveglia presto e colazione irlandese, a cui ormai ci siamo più che abituati (anzi, inizia proprio a piacerci). Prima di partire alla volta del Connemara, facciamo un giro di giorno nel centro di Galway. E’ una città vivace, colorata ed è attraversata da un’atmosfera incredibilmente suggestiva.

Partiamo quindi in direzione Connemara, un’area naturale protetta caratterizzata da incantevoli montagne, distese di torbiere, praterie e boschi. Per visitarlo in un solo giorno decidiamo di seguire un percorso ad anello in cui tocchiamo quelle che, per noi, sono le tappe fondamentali della zona: il Killary Harbour (uno dei tre fiordi presenti in Irlanda), la Kylemore Abbey, Letterfrack (da cui si ha accesso ad alcuni sentieri all’interno del parco) e Clifden (piccolo paese dalle casette colorate).

Dal quinto al settimo giorno: Dublino

Venerdì lasciamo la costa ovest dell’Irlanda, accendiamo lo stereo in auto, colleghiamo Amazon Music e cantiamo a squarciagola per tutto il viaggio, finchè non raggiungiamo Dublino.

Quando ci si trova qui, non bisogna sentirsi obbligati a seguire un vero e proprio itinerario: è molto più bello visitarla in lungo e in largo, così, a sentimento.

Così noi facciamo lunghe passeggiate lungo O’Connell Street e nella zona dei pub, dove si trova il famoso Temple Bar e, poichè siamo dei Birra Lovers, ci gustiamo una pinta di Guinness mentre alla chitarra un uomo intona una canzone che tutti conoscono e canticchiano (tranne noi, ovviamente, che non possiamo fare altro che fissarli con aria ebete, ma felice).

Vediamo la Cattedrale di San Patrizio, la Christ Church Cathedral, il Dublin Castle e la fabbrica della Guinness.

Visitiamo il Phoenix Park e facciamo amicizia con i tanti daini che popolano questo parco. Per non parlare poi della suggestiva biblioteca del Trinity College, dove si respira un’atmosfera di pura magia.

Siamo arrivati al nostro ultimo giorno di vacanza così, prima di lasciare Dublino ci concediamo un ultimo giro in centro. I nostri 7 giorni in Irlanda sono passati velocemente e siamo tristi, però sappiamo che “Per ogni cosa c’è un inizio e una fine“…anche se il nostro non è un “addio” ma un “arrivederci”.


More from Giorgia

Vitorchiano: l’unico Moai al mondo…al di fuori dell’Isola di Pasqua

Giuro che non sto dicendo una fregnaccia. E’ la verità: a Vitorchiano,...
Read More

13 Comments

  • Sono d’accordo col fatto che sette giorni non siano abbastanza, ma sono anche d’accordo con te quando dici che chi si accontenta gode. E poi hai un motivo per tornarci e per approfondire la conoscenza 😉 Io la prima volta ci sono stata una settimana, poi sono tornata dopo un paio di anni, e ho visto più o meno quello che hai visto tu. Poi sono tornata una terza volta in Irlanda del Nord. Per finire, avrei dovuto tornare a Dublino e a Belfast lo scorso aprile ma ovviamente è saltato tutto. Ma l’Irlanda ci aspetta!

    • Vedo che sei un’amante dell’Irlanda come me e questo mi piace! Hai perfettamente ragione, sicuramente abbiamo una scusa per tornare a visitare questa splendida nazione. Il prossimo viaggio che farò sarà sicuramente l’Irlanda del Nord, che mi hanno detto essere bellissima.

  • Sono stata in Irlanda per un viaggio studio tanti anni fa! Ho tanti bei ricordi devo dire..mi piacerebbe visitare altri centri come Cork e Galway che consigli e magari andare a fare un giro alle Cliffs of Moher che sembrano spettacolari!

  • Sono stata in Irlanda tanti anni fa e ho fatto un tour che ha toccato molte delle tappe che hai fatto anche tu. Anche se non ricordo tutti i dettagli (con gli anni i nomi delle località tendono a sbiadire nella memoria), ricordo molto bene le sensazioni. Una terra meravigliosa!

  • Stupenda l’Irlanda, ci sono stata da ragazzina e ho dei ricordi meravigliosi di questo Paese: Dublino e le sue porte colorate, le strade strette e piene di buche, le isole Aran e la cena medievale a Galway… Mio marito non ha mai visto l’Irlanda e continua a propormela come meta: sicuramente ci tornerò con tutta la famiglia

  • Sono anni che progetto un ritorno in Irlanda, visitata tanti anni fa in un impeto di giovanile scorazzamento, tra ostelli e pub. Vorrei rivederla con occhi maturi, perchè sono sicura che ne valga la pena. Però un giro nei pub lo farò comunque…

  • OK, sette giorni sono pochi ma non tutti hanno la fortuna di avere sempre tanti giorni di ferie attaccati. Bello l’itinerario e quanti bei posti! Ce li ho sulla lista da un pò 🙂

  • Siamo stati a Dublino e dintorni lo scorso inverno e questo assaggio di Irlanda ci è piaciuto molto! Vorremmo tornare e l’itinerario che proponi sembra proprio bello: in pochi giorni si toccano alcune delle tappe più belle dell’isola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *